Paesaggio in limen

Il bello del viaggiare in treno sta nel sentirsi particella mobile d’un dipinto. Per poi ritrovarsi sbalzati nello stupore.
Osservi paesaggi che stanno li’ da sempre ma ogni volta immagini siano stato appena esposti. Come fosse una subitanea ostensione a beneficio dei viandanti. E a seconda della luce del giorno, o della direzione di marcia, li riscopri sempre diversi. Splendido vedere adesso la campagna fra Umbria e Toscana, con l’erba vetrificata dalla brina e il colorito stanco dell’inverno pieno. E stupefacente rivederla il pomeriggio viaggiando all’incontrario, facendo a gara col sole che fugge verso il tramonto e si lascia dietro la luce più rotonda.
E poi, le gallerie: che sono la frontiera d’un’esperienza liminale, il passaggio tra esperienze che sono stati d’animo opposti. Entri col sole gentile del mattino e riemergi in un paesaggio nebbioso. E ti chiedi se hai dormito, o se sia passato un giorno intero senza che te ne accorgessi. Il treno e’ viaggiare dentro ogni angolo dell’anima, e i paesaggi attraversati sono lo specchio delle cose di te che i tuoi occhi non vedono.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: