Parole – Quattrocento (Repubblica Firenze, 27 ottobre 2013)

Cari amici, questa è la nuova puntata della rubrica domenicale. Buona lettura.
Qual è la parola della settimana? Senza dubbio alcuno è quattrocento. Che in linea di principio sarebbe un numero, ma a seconda delle circostanze diventa parola con significato ben preciso. Nell’atletica leggera, per esempio. Dove la gara dei 400 metri viene denominata il giro di pista perché porta i concorrenti a compiere per intero l’anello di gara. E ancora una volta abbiamo la dimostrazione che nelle parole c’è una segreta saggezza, se è vero che altri e isterici giri di pista vengono innescati con la sola aggiunta di quattrocento metri. Così avviene nel caso dell’aeroporto di Peretola e della nuova pista. Che col passare degli anni ha cessato d’essere una questione logistica e di sviluppo economico per convertirsi in una piéce situazionista. Perché se è vero che soltanto le persone serie sono capaci di ridere, a rileggere con atteggiamento sobrio la cronistoria tecnica e linguistica della pista nuova del Vespucci si rischia di rotolarsi dalle risate lungo tutto il percorso della vecchia. La sola lista delle soluzioni di tracciato è da cartone animato manga: pista parallela, pista perpendicolare, pista obliqua, pista parallela-convergente. Roba che, a saperlo, Euclide ci si sarebbe dedicato lui alle droghe pesanti. E poi, d’improvviso, la proposta ormai penultima: quella che dagli specialisti è stata etichettata ” pista 12/30″. Che detta così sembra il titolo di un serial televisivo, tipo Peretola 90210, o un paragrafo del Deuteronomio. E è un peccato che non ci si sia sbizzarriti oltre a ipotizzare soluzioni d’ingegno: come per esempio avrebbero potuto essere la pista cosen-beta quadro secante, o la pista a ovonda, o la suggestiva pista a macchie di leopardo.
A ogni modo, per chi temeva che il Grande Circo Pista di Peretola avesse esaurito le esibizioni, hanno provveduto i buontemponi dell’Enac a riaprire i giochi. É bastato loro dire che bisogni allungare di quattrocento metri la nuova pista per far saltare un equilibrio tenuto assieme con lo sputo. E infatti guardate cosa è successo nel giro di poche ore: il Rossi imbufalito come tutte le volte che si descamìsa, gli industriali fiorentini che parlano di mobbing ai danni di Firenze (sic!), i pisani che ne approfottano per sfilarsi come non aspettassero altro, e sul versante opposto dell’autostrada bande di campigiani, sestesi e pratesi pronte a sparare colpi di obice contro gli aeromobili. Certo, è soltanto una pista d’aeroporto che sta cercando il suo giro. Ma date un altro paio di lustri a questo Circo, e vedrete che la trasformerà nella nuova Salerno-Reggio Calabria.
Immagine
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: