Orizzonte libero e quel disagio da privazione (La Repubblica Firenze, 24 luglio 2014)

Cari amici, questo è l’articolo che mi è stato pubblicato oggi. Buona lettura.

La Costa Concordia se ne va e a traino porta con sé l’Isola del Giglio. Entrambe viaggiano verso Genova dove saranno smantellate in condizioni di sicurezza. Della nave verrà effettuata una demolizione materiale; dell’isola, una rottamazione simbolica. E sarà la seconda a lasciare le tracce più profonde, specie su quel simulacro che rimarrà come entità fisica reale nel mare di Toscana. Sì, lo so che sto spingendo all’estremo il paradosso, ma purtroppo è questo il vero stato delle cose. Perché, piaccia o no, da gennaio 2012 per il Giglio si è imposta una frattura tra un’éra A.C. e un’éra D.C.: Avanti Concordia e Dopo Concordia. E suscita tenerezza l’intenzione dei tecnici di restituire all’isola condizioni “il più possibile uguali a prima dell’incidente”. Missione impossibile per ragioni simboliche prima ancora che materiali, e per un motivo elementare: quelle condizioni non esistono più, dal momento stesso in cui una fiancata della nave urtò lo scoglio delle Scole. Qualsiasi tentativo di riportare indietro la macchina del tempo sarebbe un autoinganno.
Il paragone sembrerà provocatorio, ma penso renda l’idea: l’orizzonte del Giglio liberato dalla Concordia mi richiama alla mente il seno liberato dalle protesi dell’atleta australiana Jana Pittman Rawlinson, campionessa mondiale dei 400 m. a ostacoli nel 2003 e nel 2007. Nel 2009 Rawlinson si sottopose a un intervento di chirurgia estetica per aumentare le dimensioni del seno, ma quasi subito si accorse (o quantomeno se ne fece convinta) che quella modifica del corpo penalizzasse le sue prestazioni in pista. Sicché decise di farsi asportare le protesi tornando all’antica misura pettorale. Ma con questo si può dire che Rawlinson sia tornata al suo seno naturale? Nossignori: quella venuta fuori dal secondo intervento di chirurgia estetica è una riproduzione artificiale del suo seno naturale. Dunque, un brano di corpo artificiale al quadrato. Esattamente ciò che sarà l’orizzonte del Giglio liberato dalla presenza del relitto, che come la carcassa di King Kong nella New York immaginata da Marco Ferreri in Ciao maschio era (è) ormai diventato un elemento incorporato nelle immagini mentali associate all’isola.

 

Ciao-Maschio-2
Fino a quella maledetta notte di gennaio 2012 il Giglio era soltanto una meta turistica discretamente rinomata. Ma da quel momento in poi è diventata la scena d’un disastro dalla portata mediatica globale. Con la Costa Concordia che adagiata su un fianco è diventata l’immagine di copertina di giornali e telegiornali di tutto il mondo, quasi un’allegoria sul momento di crisi del paese.
Per questo bisogna chiedersi da subito quale sarà la vita dopo per il Giglio. Quando l’orizzonte tornerà sgombro, ma anziché il sollievo da liberazione comunicherà un disagio da privazione. Perché ormai l’immagine mentale condivisa ha strutturato la presenza del relitto, e la scomparsa di quest’ultimo darà l’impressione d’un ritocco con Photoshop. La realtà scambiata per simulacro, il paradosso perfetto. E con questo paradosso bisognerà fare i conti immediatamente, se si vuole impedire che da domani il Giglio sia soltanto l’ex Isola della Concordia.

Annunci

6 Risposte

  1. Già, anche mi veniva in mente l’immagine dell’immenso testone affiorante dal Canal Grande del Casanova di Fellini, con tutte le possibili implicazioni metaforiche. Non sappiamo se, come temi tu, nei secoli a venire quella sarà indicata come l’isola della Concordia oppure se ne perderà il ricordo e manterrà il suo nome (ma in passato i miti nascevano anche da eventi come questo). Se il Giglio muterà nome forse poi fioriranno leggende sulla sua origine. “Avvenne un tempo che una grande nave ebbe a naufragare su queste coste e gli abitanti soccorsero amorevolmente i naufraghi. Ecco perché poi questa fu battezzata l’Isola della Concordia.” Chissà…

    • È molto difficile dire adesso cosa sarà. Certo l’eredità è molto pesante, difficile da smaltire. Se non si procede immediatamente a un’operazione di ingegneria simbolica e di ricostruzione dell’immagine sarà quasi impossibile venirne a capo…

    • Penso proprio di sì. Credo che solo chi ha convissuto con il naufragio e lo spettro costante di fronte agli occhi della hybris e della stupidità umana – la stupidità è il peggior male del mondo – possa capire. Forse, la rimozione più difficile, quella di cui parli, potrebbe iniziare da lì.

  2. L’ha ribloggato su Cetta De Lucae ha commentato:
    Il paradosso perfetto. L’isola del Giglio A.C. e D.C. di Pippo Russo

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: