Photoshot – La leggenda estiva di Leo Di Caprio in Ferrari (La Repubblica Firenze, 6 agosto 2014)

Cari amici, questo è l’articolo della serie Photoshot che mi è stato pubblicato la scorsa settimana. Buona lettura.

Ci sono le leggende metropolitane e quelle estive. Le prime hanno medio-lunga durata, e s’alimentano del gigantismo urbano e della sua impersonalità. Le seconde invece sono stagionali in tutti i sensi: perché appartengono alla silly season, la stagione sciocca, e perché passata l’estate nessuno più ne conserva ricordo. Per capire, qualcuno rammenta la leggenda della tigre che nell’estate 2010 s’aggirava per i boschi della Rufina? Che a dirla adesso scappa da ridere e ci si piglia per cazzari, ma in quell’agosto venivano effettuate perlustrazioni con cani e elicotteri e fioccavano testimonianze di contadini che giuravano d’aver visto impronte del felino. Divertitevi a cercare su internet. Troverete dichiarazioni come quella del pensionato 74enne che racconta d’esser andato in giro per funghi e d’aver intravisto la tigre, o quella della casalinga che giura d’averla vista nel cortile di casa e d’averne udito il ruggito. Di sicuro c’è che dal primo settembre 2010 non se n’è più saputo né parlato. Magari la belva è morta stecchita mangiando i funghi del pensionato.

Ridete pure, come se quattro anni fa non ci foste pure voi a cibarvi di quelle notizie e a evitare i boschi della Rufina ché non si sa mai. Ma quando avete finito provate a pensare a chi fra quattro anni scorrerà su internet le notizie sulla leggenda estiva 2014, quella a cui nei giorni scorsi vi siete dedicati prendendola con la medesima serietà dedicata alla tigre fantasma. Parlo dell’apparizione di Leonardo Di Caprio in Ferrari a piazza della Repubblica. Che già messa così suscita la naturale risposta: “O vien via!”. E invece no, qui la cosa va presa sul serio anche nel suo lato grottesco. Perché a differenza di ogni altra leggenda, metropolitana o estiva che sia, in questo caso c’è una prova documentale. O quantomeno un reperto, che finisce con l’essere esso stesso la vera leggenda dell’estate 2014. Si tratta della foto che vedete, in cui viene ritratto un baldo giovanotto mentre s’appresta a rientrare nell’abitacolo della sua Ferrari circondato da passanti straniti. Per quello che si può capire dalle loro espressioni, nessuno fra costoro mostra la minima consapevolezza di trovarsi davanti a un divo hollywoodiano. Piuttosto sembrano incuriositi dalla presenza di un’auto lì dove proprio non dovrebbe trovarsi, e dove i forentini privi di pass non transitano da tempo immemore. “Ma ‘unn’era pedonalizzato qui?” sembra dire l’omino in scooter e maglietta grigia. Che a dirla tutta, per aver scansato appena in tempo lo sportello aperto d’improvviso, potrebbe anche avere aggiunto: “La tu’ ma’…!”. Quanto al tizio che sta entrando nel bolide abusivamente presente in zona proibita, a  guardarlo si direbbe che sta a Di Caprio come gli Audio 2 stanno a Lucio Battisti.

E però, c’è un però. Come in ogni leggenda che si rispetti, la forza della credenza e della diceria soverchia quella dell’evidenza. E proprio in questo caso la regola mostra più che mai la sua validità. Perché nel caso di tutte le altre leggende la sola prova utilizzabile è una non-prova: si parla di qualcosa che nessuno ha visto mai o documentato. Invece in questo caso il documento c’è, e quantomeno lascia dei dubbi. E allora è il documento stesso a diventare leggenda estiva, il colpo di sole racchiuso dentro un clic. Perché c’è chi giura che fosse proprio lui, il divo. A cominciare dall’esercente che l’ha rifocillato. Invece il web, cioè l’oracolo della contemporaneità, certifica una smentita a prova di bombe. Pare che nelle stesse ore in cui è avvenuto l’avvistamento fiorentino Di Caprio fosse a Ibizia, sul luogo di una rissa fra Justin Bieber e Orlando Bloom. E allora, ubi maior minor cessat. Perché a Firenze, al massimo, poteva godersi il Muzzi e il Savelli che si prendevano a labbrate da ‘iGgozzi. Abbozziamola qui, dài.

 

 

Il presunto Di Caprio in piazza della Repubblica

Il presunto Di Caprio in piazza della Repubblica

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: