Paulo Dybala, un gol per cominciare a pagarsi il riscatto (La Repubblica Palermo, 2 settembre 2014)

Paulo Dybala

Paulo Dybala

 

“Ma iddu veru è?”. L’interrogativo è circolato domenica sera sugli spalti del Barbera mentre in campo Paulo Dybala faceva robe che manco pareva lui. Un gol dopo sei minuti, e per di più addomesticando col petto un pallone che pareva scendere a piombo da Monte Pellegrino, e poi una serie di numeri d’alta scuola compreso un dribbling di tacco al volo che se l’avesse fatto Messi sarebbe virale sul web. E lasciamo perdere che il difensore messo culo a terra e costretto al fallo da ammonizione si chiamasse Vasco Regini, uno che al confronto Silvio Iozzia pareva Beckenbauer.

Vasco Regini

Vasco Regini

Restano la pregevolezza del gesto e soprattutto il senso di smarrimento di chi da due anni s’interroga sulla follia di calciomercato compiuta due anni fa da Zamparini. Capace di spendere dodici milioni per un giocatore che fino a domenica sera pareva la reincarnazione di Oliviero Di Stefano. Ricordate la mosca tse-tse in maglia numero 11 che nella stagione 1985-86 (quella culminata nel fallimento e nella scomparsa del club, ma trattasi soltanto una fitusìssima coincidenza) arrivò dalla Pistoiese, e che nonostante l’affannarsi non vedeva la porta nemmeno se ci cascava dentro al posto del pallone? Ecco, proprio lui. Con la differenza che ai bei dì il duo Totò Matta & Franco Schillci non si sarebbe mai sognato di pagare manco un ventesimo della cifra sborsata da Zamparini per il Di Stefano Reloaded. E certo, per amor di verità loro non avevano di che pagare nemmeno la bolletta Sip della sede. Ma cionondimeno una saponata come quella buscata dal patron rosanero con Dybala non l’avrebbero presa neppure disponendo della carta di credito di Roman Abramovich.

Invece Zamparini sì, perché a lui piacciono le sfide impossibili.

 

Maurizio Zamparini

Maurizio Zamparini

E in quell’estate del 2012, quando con gran lena si preparava il ritorno in B dopo un decennio, diede il meglio di sé con la sessione di calciomercato più strampalata della storia rosanero recente. Una campagna acquisti bipolare, come condotta utilizzando due portafogli: il portafoglio degli spardòni e quello degli ziccùsi. Quest’ultimo venne utilizzato per portare a Palermo nientepopodimeno che Steve von Bergen, difensore che aveva appena conquistato una meritata retrocessione con la maglia del Cesena e dunque dava ottime garanzie per il bis. Invece il portafoglio degli spardòni venne utilizzato per comprare un diciottenne che giocava nella B argentina. Dybala, appunto. Pagato la bellezza di 12 milioni. Una cifra che il Palermo non spenderà manco sommando i prossimi quattro calciomercati.

E sì che fu un’estate strana quella lì. Arrivò Sannino in panchina e tutti a dire che il vero fuoriclasse della squadra sarebbe stato lui, ciò che avrebbe dovuto preoccupare lui per primo. E assieme a Dybala giunse dal Sud America tal Sebastián Sosa Sánchez. Non ricordate chi sia? Tranquilli, nemmeno lui si ricorda di se stesso. È costui l’ennesimo X File da calciomercato e attualmente risulta disperso in Albania, ultime destinazioni conosciute la città di Scutari e un club chiamato Vllaznia.

Sebastian Sosa Sanchez

Sebastian Sosa Sanchez

 

Ma in fondo un po’ X File è anche Paulo Dybala. Soprattutto perché il suo passaggio al Palermo è avvenuto in modo, come dire?, complicato. E di quanto sia stato complicato abbiamo avuto conferma giusto due giorni prima che il Di Stefano Reloaded si esibisse sull’erba della Favorita come posseduto. Da Ginevra è giunta venerdì scorso la notizia che il Tribunale Arbitrale dello Sport ha condannato il club rosanero a risarcire con la modica cifra di 8 milioni di euro il signor Gustavo Mascardi.

Gustavo Mascardi

Gustavo Mascardi

Che reclama di non avere percepito due anni fa quanto gli spettasse per il passaggio in rosanero del calciatore. Storiacce di fondi d’investimento e trafficanti di calciatori, cioè soggetti dai quali l’ultimo Palermo di Zamparini proprio non riesce a tenersi alla larga. Solo che stavolta il presidente ha proprio sbagliato pero, dato che Mascardi non è mica un Ceravolo qualsiasi. Altra stoffa. Mascardi è un ex agente di borsa che un giorno scoprì quanto più redditizio sia investire in calciatori. Per restare alla sessione di calciomercato chiusa ieri sera, è stato lui a spostare Iturbe dal Porto alla Roma via Verona, e ancora ci s’interroga sul costo del suo disturbo: tre o cinque milioni? Di lui la leggenda narra che a metà anni Novanta abbia prestato un milione di dollari al River Plate, ottenendo in cambio di poter scegliere due fra i cinque giocatori più promettenti del club argentino e rivenderli in proprio. Come fossero capi di bestiame. Quei due giocatori si chiamavano Hernan Crespo e Fabian Ayala, e nella stessa estate arrivarono in Italia per vestire rispettivamente le maglie di Parma e Napoli. Uno con cui sarebbe stato meglio non fare i furbi, dunque; tanto più dopo la tranvata presa con Marcelo Simonian dopo la cessione di Javier Pastore. Ma Zamparini è uno che persevera. E allora al povero Dybala toccherà pedalare ogni domenica come quella passata. Non per riscattarsi, ma per pagarsi il riscatto. Ché ormai non se lo ripiglia nemmeno Mascardi, e allora il primo a doversi salvare è proprio lui, altro che il Palermo.

Annunci

Una Risposta

  1. […] da Palermo dovrebbe portare a Milano Paulo Dybala. Stando alle dichiarazioni di Gustavo Mascagni, il cui ruolo intorno ai trasferimenti di Dylaba è ormai noto, sia i nerazzurri che la Roma sarebbero sulle tracce del giocatore, anche se indietro rispetto alla […]

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: