Selezione dei migliori e peggiori libri che ho letto quest’anno

Consigli e sconsigli non fanno mai male…

Volevo stare zitta

Una banale classifica, ebbene sì, si sa che la fine dell’anno induce a fare di queste cose.

Mi limito a poche righe se non a poche parole di carattere volutamente aereo e superficiale come si usa quando si parla an passant fra amici di quello che si sta leggendo .

I migliori:

5. Il vino della solitudine, Irene Némirovsky.

L’unico fra i suoi romanzi che ho fin qui letto a essere scritto in prima persona singolare. Una prima persona che è una singolare vecchia anima che non si stupisce mai davvero, e i cui unici soprassalti vengono dall’eco del ricordo di quando ribolliva come il mosto nel tino a Settembre.

4. Cartongesso, Francesco Maino.

Di questo romanzo ho scritto qui.

3. Origine della donna, Elaine Morgan.

Uno dei testi più spassosi e meglio fondato che io abbia mai letto. Un testo “filosofico” che segue la logica del ragionamento consequenziale, che esercita la critica senza timori reverenziali verso autorità alcuna, che presenta i propri…

View original post 382 altre parole

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: