“Nedo Ludi. Il ritorno” (Capitolo 12, anteprima)

18268219_10211221979817316_2081048557825649846_n

” (…)  In questo momento sto bene così Nedo, davvero. Durante questi mesi ho riflettuto molto. Su di noi, ma soprattutto su di me. E ho capito che tante cose non andavano. Ci siamo amati davvero, no?”.

Ma certo. Perché me lo chiedi?”

Perché ne sono convinta pure io. Che ci siamo amati fino a un giorno prima che tutto succedesse. Però poi quando è successo non abbiamo provato nemmeno un attimo a salvare il nostro amore. Come se tutto si fosse già consumato, e noi ne avessimo preso coscienza separatamente. Di tutto quanto, è questa la cosa che più m’inquieta. Perché finisce così un amore?”

Nedo rimase travolto da quelle parole, attanagliato un’altra volta dall’incapacità di rispondere. Nella sua decisione di prendere la propria strada c’era qualcosa d’altro, diverso dalla fine del loro amore. Ma non riusciva a dirlo a Eleonora, perché nemmeno lui sapeva ancora cosa fosse. Il pensiero correva sempre a quel pomeriggio di marzo, al ragazzo entrato nel bar un sabato pomeriggio, e allo sconvolgimento che l’aveva catturato da allora.

Questa domanda mi ha levato il sonno per settimane, Nedo – riprese lei –. E bada che non ne sto facendo una colpa a te. Anch’io, quando è successo, non ho trovato nulla di meglio che chiudere la nostra storia e dividere la nostra famiglia. Mi chiedo ancora come ci si fosse arrivati a questo. Poi man mano ho recuperato tranquillità. Non ho ancora trovato le risposte, però adesso le cerco con meno affanno. E per questo ho bisogno di stare ancora da sola. Per molto tempo”.

Tempo” sussurrò pensieroso Nedo. Che adesso invidiava Eleonora. Lei un suo percorso lo stava compiendo, e dentro il dolore c’era passata senza paura. E lui, invece? Cosa stava facendo? Era una questione di tempo?

Sì, tempo – disse lei, e finalmente il sorriso era quello dei giorni radiosi –. Sai, da qualche parte ho letto una frase bellissima. Non ricordo dove, ma mi è rimasta impressa. Diceva che il tempo è per il dolore come l’acqua del mare che smeriglia il vetro: arriva il momento in cui puoi tornare a maneggiarlo senza rischiare di ferirti ancora”.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: