Tifosi spariti e zero impatto economico: perché fare stadi privati? (Lettera 43, 11 aprile 2017)

Cari amici, pubblico la seconda puntata del mio approfondimento sugli stadi privati. La prima puntata si può leggere qui.

Schermata-2015-12-23-alle-18.22.12

Panorama non infrequente all’Olimpico

A Frosinone si può. Da quelle parti lo stadio di proprietà del club sta sorgendo in tempi rapidi e senza grandi clamori, al posto del vecchio Matusa. Soprattutto, la nuova opera viene concepita e realizzata senza perdere di vista la dimensione del club e del suo territorio. Quello che sta per essere ultimato è un impianto da poco più di 16 mila posti, tutti a sedere e coperti, che manderà in pensione l’inadeguato impianto attuale, destinato alla demolizione. I lavori dureranno meno di un anno. Tempi record per gli standard italiani. E in un eccesso di ottimismo si era addirittura parlato di consegna entro aprile 2017. Termine mancato, ma era francamente irragionevole. L’importante è che lo stadio sia pronto per l’inizio della stagione calcistica 2017-2018.

Per continuare la lettura cliccare qui.

 

Come sempre, al termine della lettura vi regalo un brano musicale.

 

Annunci

Calcio, cosa non torna sul business “salvifico” degli stadi privati (Lettera 43, 3 aprile 2017)

Cari amici, oggi recupero il primo di due articoli che ho scritto per il sito Lettera43, sul tema degli stadi di proprietà. Buona lettura. La puntata successiva è leggibile qui.

GettyImages-621416794

Gli spalti vuoti del Mapei Stadium

Famostistadi. Nella versione al plurale non è ancora diventato un hashtag, ma intanto la vicenda dello stadio della Roma ha fatto compiere uno scatto in avanti. I giorni delle polemiche tra la società giallorossa e la Giunta romana guidata da Virginia Raggi sono per il momento messi alle spalle. Non è detto che lo siano definitivamente, poiché la storia sembra tutt’altro che risolta. Molte cose vanno ancora messe a fuoco, e in ogni caso entrambe le parti vogliono provare a rimaneggiare la soluzione di compromesso raggiunta, per tirarla un po’ più verso sé.

Per proseguire la lettura, cliccare qui.

 

E dopo la lettura dell’articolo allego parte di una lunga intervista che ho rilasciato a maggio 2016.