La storia di Ched Evans tra giustizia e verità, parte terza (Lettera43, 20 gennaio 2019)

(Le precedenti puntate sono leggibili qui e qui)

Ched-Evans-with-girlfriend-Natasha-Massey

Ched Evans e Natasha Massey

A gennaio 2015 tutte le porte sembrano chiuse per Ched Evans. Ogni tentativo di rientrare nel mondo del calcio viene bloccato da mobilitazioni dell’opinione pubblica e delle tifoserie dei club interessati al centravanti ex Sheffield United. L’etichetta di condannato per stupro è un marchio d’infamia troppo pesante. E nemmeno la munificenza del suocero Karl Massey, pronto a pagargli lo stipendio e a indennizzare l’eventuale perdita di sponsorizzazioni al club che lo ingaggi, serve a sbloccare l’impasse. In quell’inizio di anno 2015 il suo ritorno in campo è un miraggio. Eppure il meccanismo che invertirà le sorti della sua vicenda giudiziaria è già in moto. E la sua accensione avviene proprio in coincidenza con la scarcerazione, avvenuta il 17 ottobre 2014 dopo il compimento di metà della pena. Soltanto l’indomani si diffonde una notizia che dà un segnale su come le cose potrebbero evolvere.

(Per leggere il seguito della storia cliccare qui).

 

 

 

Annunci

Il caso Ched Evans, fra giustizia e verità – parte prima (Lettera43)

a51d515c-95f3-11e6-a7dd-8b62cd44f0c0_169_l

Ched Evans

 

Questa è una storia di giustizia negata. Si svolge in Gran Bretagna, e racconta di un calciatore professionista condannato a cinque anni di carcere per stupro e poi riabilitato in seguito alla revisione del processo, ma soltanto dopo avere scontato metà della pena in regime di detenzione. E messa in questi termini se ne dedurrebbe che la vittima di giustizia negata sia il calciatore riabilitato, tornato sui campi di calcio dopo quattro anni di pausa e perciò è protagonista di un finale agrodolce. Ma le cose non stanno così. Perché questa è una storia di giustizia negata in linea di principio, al di là dei suoi protagonisti e della loro sorte processuale. E lo è soprattutto perché il suo esito giunge al termine di un percorso nevrotico, durante il quale la verità giudiziaria si rivela troppo permeabile a influenze esterne per potersi ritenere equa. Non si parla di giustizia negata a qualcuno, ma di giustizia che nega se stessa perché incapace di agire con rigore.

(Per leggere il seguito cliccare qui)

 

Tifosi spariti e zero impatto economico: perché fare stadi privati? (Lettera 43, 11 aprile 2017)

Cari amici, pubblico la seconda puntata del mio approfondimento sugli stadi privati. La prima puntata si può leggere qui.

Schermata-2015-12-23-alle-18.22.12

Panorama non infrequente all’Olimpico

A Frosinone si può. Da quelle parti lo stadio di proprietà del club sta sorgendo in tempi rapidi e senza grandi clamori, al posto del vecchio Matusa. Soprattutto, la nuova opera viene concepita e realizzata senza perdere di vista la dimensione del club e del suo territorio. Quello che sta per essere ultimato è un impianto da poco più di 16 mila posti, tutti a sedere e coperti, che manderà in pensione l’inadeguato impianto attuale, destinato alla demolizione. I lavori dureranno meno di un anno. Tempi record per gli standard italiani. E in un eccesso di ottimismo si era addirittura parlato di consegna entro aprile 2017. Termine mancato, ma era francamente irragionevole. L’importante è che lo stadio sia pronto per l’inizio della stagione calcistica 2017-2018.

Per continuare la lettura cliccare qui.

 

Come sempre, al termine della lettura vi regalo un brano musicale.

 

Calcio, cosa non torna sul business “salvifico” degli stadi privati (Lettera 43, 3 aprile 2017)

Cari amici, oggi recupero il primo di due articoli che ho scritto per il sito Lettera43, sul tema degli stadi di proprietà. Buona lettura. La puntata successiva è leggibile qui.

GettyImages-621416794

Gli spalti vuoti del Mapei Stadium

Famostistadi. Nella versione al plurale non è ancora diventato un hashtag, ma intanto la vicenda dello stadio della Roma ha fatto compiere uno scatto in avanti. I giorni delle polemiche tra la società giallorossa e la Giunta romana guidata da Virginia Raggi sono per il momento messi alle spalle. Non è detto che lo siano definitivamente, poiché la storia sembra tutt’altro che risolta. Molte cose vanno ancora messe a fuoco, e in ogni caso entrambe le parti vogliono provare a rimaneggiare la soluzione di compromesso raggiunta, per tirarla un po’ più verso sé.

Per proseguire la lettura, cliccare qui.

 

E dopo la lettura dell’articolo allego parte di una lunga intervista che ho rilasciato a maggio 2016.