A marzo 2018 in libreria

PIPPORUSSOMILFCopertinaSingola

Annunci

Uefa contro Epfl (Calciomercato.com, 8 ottobre 2016)

Uefa vs Epfl: che scontro per decidere chi sarà servo dei grandi club europei!

 

L’incontro di giovedì 6 ottobre a Nyon è servito a diffondere l’immagine di una pace di facciata. Nella sede dell’Uefa il neo-presidente del calcio europeo, lo sloveno Aleksander Čeferin, ha avuto un faccia a faccia con lo svedese Lars-Christer Olsson, presidente dell’European Professional Football Leagues(EPFL). In apparenza, un appuntamento d’ordinaria diplomazia fra il capo appena insediato del calcio europeo e il massimo dirigente dell’organismo che raccoglie le leghe professionistiche europee. Ma in realtà le cose non stanno così.

Per continuare la lettura dell’articolo clicca qui.

TOMMASO BRACCINI , ” Vampires in New England “ — agenda19892010

New England, a zone of the Northeast of the States, was probably the last scene in the Western World where some vampires were burned. It was during 1883 in Exeter, a village in Rhode Island when Mary Eliza Brown, a mother of family, died of consumption. Five years later her daughter Mary Olive died […]

via TOMMASO BRACCINI , ” Vampires in New England “ — agenda19892010

Di un sorriso triste che mi vestiva — BluTrasparente

C’era sempre uno spazio bianco in mezzo alla frenesia delle cose quotidiane, c’era sempre una pausa, uno stacco che mi prendevo per provare a chiudere tutto il restodella mia vita fuori da quel momento. Era un momento difficile, fatto di notti bianche, di attese, di delusioni, di insonnie, di cannule e elettrocardiogrammi. Così fra la […]

via Di un sorriso triste che mi vestiva — BluTrasparente

Le giornate regalate — Vivo da sola

Come oggi, che mia figlia doveva essere dal padre ma per impegni suoi (del padre), l’ho portata nel tardo pomeriggio. Stamattina un massacro a fare i lavori di casa mentre lei faceva un po’ di compiti, ma felice perché gli uomini erano via a sgomberare cantina e solaio e ne avrebbero avuto per un bel […]

via Le giornate regalate — Vivo da sola

Scusi Pellé, ma chi si crede d’essere, Chinaglia? (Calciomercato.com,7 ottobre 2016)

Scusi Pellè, ma chi si crede d'essere, Chinaglia?

 

 

Per una volta la Figc invia un messaggio immediato e inflessibile. E caccia via Pellè (foto da http://www.road2sport.com) dalla nazionale dopo l’imperdonabile gesto di maleducazione di ieri sera verso il ct Giampiero Ventura. L’unica scelta possibile, qualunque altra soluzione sarebbe stata una dimostrazione d’insipienza.

Per continuare la lettura dell’articolo, cliccare qui.

Indicate a Scalfari l’uscita (dalla narrativa) [Panorama, 11 maggio 2016]

Scalfari

Eugenio Scalfari

41-6fB5rFiL._SX327_BO1,204,203,200_

 

Vorrebbe essere un romanzo filosofico: per due terzi un surrogato dell’Enten-Eller di Søren Kierkegaard, e per l’ultimo terzo una stanca variazione sul tema del Brave New World di Aldous Huxley. E invece il cimento narrativo di Eugenio Scalfari si svela al lettore per ciò che il titolo promette: un labirinto dal quale non si viene più fuori. Pubblicato per la prima volta da Rizzoli nel 1998, e da poco rimesso in libreria da Einaudi, Il labirinto è arricchito da un’introduzione dell’autore alla nuova edizione. Densa di passaggi soavi come quello di pagina XIII: “Presenze immobili com’è immobile l’attimo del presente, e vertiginosamente mutevoli quando col fragore dell’evento piombano nel presente da un loro remotissimo futuro e subito dileguano in un abisso di passato senza fondo”. Un preavviso delle padellate al cranio che chi procederà nella lettura dovrà aspettarsi, ma anche del ripetersi di un cliché. Lo si ritrova a pagina 20: “A ripensarci ora che sono vecchio e tante ne ho fatte e viste direi che si esce da un labirinto solo per entrare in un altro sicché muovendosi si resta fermi, ma questa è la nostra condizione: di contenere in ogni nostro attimo tutto il futuro e tutto il passato che coincidono incontrandosi nella porta carraia del nostro presente”. Non finisce lì, perché a pagina 144 si può leggere: “La rincorsa d’un’ombra vagheggiata, intravista appena per un istante svelava le possibilità infinite del caso, il gioco seducente delle probabilità, la fralezza dei destini che si sfiorano quando tutto potrebbe accadere per poi allontanarsi con la velocità siderale con cui il presente si perde nei recessi d’un passato di cui non resta traccia neppure nella memoria”. Stavolta manca il futuro, ma fa lo stesso. Anche perché immediatamente dopo viene piazzato un frammento mica da poco: “Anche l’incostanza in amore è così una inconsapevole protesta contro la morte alla quale oppone la molteplicità di molte possibili vite”. E che dire del passaggio a pagina 187? Leggete un po’: “Ah, insensata superbia di Io, impotente simulacro di solitaria potenza inconcreta”. Ma il meglio del labirinto scalfariano sta nelle ridondanze. Come quella di pagina 174: “Il tempo veniva dissipato senza risparmio”. A trovarlo, qualcuno che dissipi con parsimonia. Meglio ancora ciò che si legge a pagina 144, il capoverso che inizia con: “Era una notte notturna”. Ciò che richiama alla mente il mitico Ezio Luzzi di “Tutto il calcio minuto per minuto”; che una volta ebbe a definire l’ex presidente del Lecce, Franco Jurlano, “un uomo umano”. Licenze poetiche? A voi il filo di Arianna.