Blatter l’africanista

Parla da monarca assoluto del calcio mondiale, e in fondo lo è. Perché ha saputo costruirsi una leadership con ogni metodo possibile, e perché l’hanno lasciato fare. Ma la qualità più grande del colonnello Joseph Blatter è la spudoratezza con cui promuove se stesso, surfando attraverso tutte le cause possibili. L’ultima della serie è l’africanismo.

Nelle interviste rilasciate in momenti successivi al settimanale Jeune Afrique, riportate qui sotto, il colonnello ha rintuzzato le accuse alla Fifa riguardanti l’azzardo d’assegnare il mondiale a un paese e a un continente forse non ancora pronti alla sfida. E nel controbattere ha scaraventato contro i dubbiosi l’infamia di rappresentare ‘settori occidentali nemici dello sviluppo africano’. Bella mossa ruffiana, colonnello. E adesso si auguri che davvero il mondiale fili liscio fino in fondo.

Le due interviste rilasciate da Blatter a Jeune Afrique:

http://www.jeuneafrique.com/sports/index.php?option=com_content&view=article&id=6138&catid=2

http://www.jeuneafrique.com/sports/index.php?option=com_content&view=article&id=6889&catid=2