In itinere – L’arte del romanzo come impegno sociale. Elogio di Angelo Ferracuti, parte seconda.

(La prima parte può essere letta qui)

ferracuti_mgzoom

Angelo Ferracuti

Addio_Esec.indd

Addio

 

“Ma questo non è un romanzo!”.

Posso immaginare che qualcuno, pur apprezzando Addio di Angelo Ferracuti, eccepisca sull’etichetta di genere da dare al libro. Un’etichetta che in questo caso viene rivendicata dal sottotitolo di copertina: “Il romanzo della fine del lavoro”. E dunque trattasi di romanzo anziché di saggio, è il pensiero di chi vede il libro sugli scaffali delle librerie e magari decide di comprarlo. Per poi giungere all’obiezione con cui ho aperto il post. Ma si tratta di un’obiezione condivisibile?

È una domanda semplice che richiede una risposta complessa. E iniziando a articolarla, segnalo la strano insieme di coincidenze che in queste ore si verifica. Nella giornata di ieri è stato assegnato il Premio Nobel per la Letteratura a uno dei più grandi cantautori della storia, e ciò è avvenuto proprio nelle ore in cui ci ha lasciato un altro Premio Nobel della Letteratura che di mestiere faceva il teatrante. E le perplessità dell’opinione pubblica verso l’assegnazione del riconoscimento a Bob Dylan sono le medesime che accompagnarono l’assegnazione a Dario Fo. Perplessità racchiuse in un interrogativo: ma questi due hanno fatto letteratura? Un interrogativo che trovo desolante, e che marchia in modo definitivo quanti lo esprimono. A cominciare dal baraccone Baricco, quello che pretende d’insegnare a altri come si scrive. Sarebbe, quest’omuncolo, capace di creare due frammenti sublimi come i seguenti?

 

 

 

alessandro_baricco

Scuola Hold’em

 

Tutti questi bariccanti coltivano un’idea di “letteratura a una dimensione”. Qualcosa che viene fatto coincidere esclusivamente con la forma del romanzo, o comunque dell’allegoria in forma scritta e incorporata nello strumento del libro. Rispetto a un’accezione così limitata (rinunciataria, direi), ritengo si debba coltivare ben altra visione di cosa sia letteratura. Che è forma d’arte totale, basata sulle diverse declinazioni dell’allegoria. Attraverso queste forme realizziamo distinte rappresentazioni e astrazioni della realtà, sia quella presente che quelle passate. E vi pare che si possa sminuire una cosa tanto gigantesca incassandola nella forma esclusiva del romanzo? Tanto più che, se dovessimo accettare questa definizione minimale di letteratura, daremmo luogo a situazioni paradossali: per esempio, negare dignità letteraria a due giganti della cultura mondiale come Dario Fo e Bob Dylan, e al tempo stesso riconoscerla a due instancabili produttori di percolato editoriale come Fabio Volo e Anna Premoli (leggi qui e qui). Davvero si vuol intendere questo?

maxresdefault

Fabio Volo

 

premoli

Anna Premoli

 

L’approfondimento sul tema di cosa sia letteratura torna utile al nostro discorso a proposito di cosa si debba o no intendere per romanzo. Anche a proposito di questa forma espressiva esiste una visione monodimensionale, che fa coincidere il romanzo con “l’opera di fiction”. Ossia, un componimento nato da un atto di astrazione dalla realtà. Composto da una trama, una lista di personaggi che occupino la vicenda, uno svolgimento che vada da un inizio a una fine, e una temporalità più o meno delimitata. E dunque, se questa è l’accezione di romanzo, allora è corretto dire che Addio di Angelo Ferracuti non è un romanzo. Perché non è un’opera di fiction, perché i soggetti (non “i personaggi”) che attraversano quelle pagine si limitano a fare capolino in parti specifiche del libro, perché anziché sviluppare una trama racconta la realtà, e perché la temporalità non è delimitata ma aperta per via della sua connessione col presente. Ma davvero possiamo permetterci, soprattutto in questo tempo di esplosioni comunicative e ibridazione dei registri espressivi, un’accezione così miope di romanzo?

A mio giudizio, no. Se mai c’è stato un tempo in cui limitare la forma-romanzo all’opera di fiction ha avuto un senso, quel tempo va messo in archivio. Bisogna avere del romanzo un’idea più ampia, e collegarla alle diverse forme di racconto della realtà. Ciò che comunque non ha alcunché a che fare con l’abusato storytelling, una formula che non per nulla Ferracuti respinge sin dalle prime battute di Addio (il frammento è stato menzionato nel post precedente). Lo storytelling è infatti racconto di parte, la propaganda proseguita con altri mezzi. Per di più, fatta simulando un approccio obiettivo alla realtà. Come se si trattasse di pura tecnica, e non dell’ennesima forma di manipolazione. A questa forma di rappresentazione della realtà bisogna contrapporre il racconto militante. Quello condotto da un autore che non ha paura di dire da che parte sia schierato, e che così facendo compie il primario gesto di onestà intellettuale. Bisogna sempre fidarsi di chi dichiara da che parte sta, anche qualora non ci piacesse la parte con cui si schiera. Almeno sappiamo che non sta cercando d’ingannarci spacciandoci per verità di fatto quelli che sono convincimenti e passioni personali. In questo senso Angelo Ferracuti è esemplare. Certamente lo è nelle pagine di Addio, dove non si tira mai indietro quando ha occasione di esprimere il punto di vista personale. Come succede quando racconta lo scempio che dell’Alcoa di Portovesme continua a essere fatto dalla classe politica di questo paese. Alle pagine 64-5 dell’edizione elettronica, Ferracuti rievoca uno dei tanti numeri da Bagaglino piazzati da Silvio Berlusconi. Riferendosi agli operai della fabbrica, racconta che:

 

Si sentono perseguitati dalla famosa telefonata di Berlusconi a Putin. Il Cavaliere nero in campagna elettorale era venuto nel Sulcis per sostenere il suo medico personale, Ugo Cappellacci, e mentre parlava sul palco, con il telefono in mano e davanti a centinaia di operai, con la bocca sul ricevitore chiese al suo amico fraterno di risolvere la questione di EurAllumina con Rusal. Poi, alla fine della chiamata, questo Mago di Oz da tre soldi disse: “Tutto risolto”, come un prestigiatore che tira fuori il coniglio dal cilindro.

 

Un racconto di parte, schietto e onesto proprio per il suo essere di parte. Ma soprattutto, un racconto. Ossia, la messa in forma narrativa di un episodio di cronaca dimenticato già all’indomani del suo accadere, e tornato a vivere grazie al lavoro di un’anima appassionata alle vicende che narra.

Certo, non è fiction. Purtroppo.

Ma il fatto che non sia fiction non fa disperdere a questo frammento, e a tutto il resto del libro, una forza di “racconto della realtà” che va oltre il mero reportage. È o no, questa, una declinazione del romanzo? Per me sì. Per altri no.

In fondo, il mondo è bello perché vario. E perché microbi come Alessandro Baricco possono eccepire su giganti come Bob Dylan (e, indirettamente, Dario Fo). Ma per me un frammento come il seguente è puro romanzo:

 

Dice Graziella che la crisi non si vede, ma c’è. Poi mi parla di una signora anziana che ha incontrato in comune, era in attesa davanti al gabinetto del sindaco.  “Il marito ha perso il lavoro,  e a un certo punto non sono più riusciti a pagare l’affitto – racconta impressionata, – poi sono stati sfrattati, e adesso vivono per strada, dormono nell’automobile.” La mattina si alzano all’alba  storditi e con il male alle ossa. “È una donna anziana – continua. – come si fa? D’inverno vanno a Portovesme, dove stanno le fabbriche, parcheggiano vicino ai silos caldi degli stabilimenti , d’estate cercano il fresco nelle spiagge. “ Non si dà pace, sostiene che non è un caso isolato.  Quelli che non riescono più a farcela vanno in comune e gli viene detto di fare domanda ai servizi sociali, ma gli uffici si trovano da un’altra parte di Carbonia. Allora quando ha visto la signora che s’incamminava lentamente verso l’uscita, Graziella si è offerta di accompagnarla dicendole: “Oggi lei ha un taxi a disposizione tutto il giorno” e quella non voleva crederci, era contenta come una pasqua, incredula che qualcuno si prendesse finalmente cura di lei. E mentre tornavano, le ha chiesto: “Dov’è suo marito?”. “L’ho lasciato vicino al comune, seduto su una panchina.”

 

Questo è un romanzo, senza bisogno d’essere fiction. E se qualcuno la pensa diversamente, problema suo.

(2. continua)

 

Annunci

Fare shopping di club: ecco il vero calciomercato

soldi-calcio

C’è un calciomercato in corso, sposterà pesantemente gli equilibri esistenti e inciderà sui campionati a venire. Ma contrariamente a ciò che state immaginando esso non riguarda i calciatori. A essere oggetto di transazioni sono club minori dei campionati europei, entrati nel mirino di investitori extraeuropei ben noti a chi segue le vicende dell’economia parallela del calcio globale nonché spinti da interessi esclusivamente finanziari e lobbistici. E la logica di questi investimenti è la stessa che vado illustrando con cadenza quasi quotidiana sin dal giorno in cui scrissi il post in cui spiegavo che la mossa della Fifa di mettere al bando terze parti e fondi d’investimento sarebbe stata inefficace. Annunciata a fine settembre 2014 e ufficializzata con la circolare 1464 dello scorso 22 dicembre, questa misura è già inefficace. E non soltanto perché la sua attuazione si presenta molto complicata, ma anche e soprattutto perché i gruppi d’investitori che nell’ultimo decennio hanno tirato su le varie formule di Third Party Ownership (TPO) si stanno riorganizzando per eludere il divieto. Lo fanno comprando club minori in giro per l’Europa. Soprattutto in Spagna e in Portogallo, ma non soltanto.

Le cronache delle ultime settimane ci raccontano di un intensificarsi delle manovre su questo versante, e rispetto ai casi che ho descritto nel post datato 1 ottobre 2014 se ne sono aggiunti altri. A metà dicembre i giornali portoghesi hanno riportato la notizia del cambio di proprietà al Leixoes, club della città di Matosinhos che milita in Segunda. A cedere la quota maggioritaria del pacchetto azionario (56%) è stato Carlos Oliveira.

Carlos Oliveira

Carlos Oliveira

Il Carlos Oliveira di Resident Evil

Il Carlos Oliveira di Resident Evil

Che è soltanto omonimo del protagonista della saga Resident Evil, e che da presidente della SAD (Sociedade Anonima Deportiva) è stato condannato nel luglio 2012 assieme a altri tre amministratori del club per abuso de confiança fiscal: nove mesi di prigione, pena sospesa, per non avere pagato l’IVA di agosto 2008 e dei mesi di maggio, giugno e luglio 2009. All’epoca dei fatti e della successiva condanna Oliveira era soltanto l’azionista di maggioranza del Leixoes. Ma a giugno del 2014 ne è stato eletto presidente dall’assemblea dei soci del club, cioè dall’entità democratica che va distinta dalla SAD. Ciò che è ulteriore dimostrazione di come non sempre la partecipazione democratica dei tifosi-associati è di per sé garanzia di una maggiore qualità nella scelta dei vertici e nel controllo sulla governance, e che a fare la differenza è una più alta consapevolezza dei tifosi stessi rispetto al ruolo che possono esercitare sulle sorti del loro club. Ma questo è un altro discorso. Più importante sottolineare che, al momento di insediarsi e riverstire il doppio ruolo di presidente della SAD e azionista di maggioranza, Oliveira prende l’impegno di ristrutturare il debito da 2,4 milioni di euro del club. Dopo nemmeno sei mesi Oliveira ristruttura il suo, di debito: e cede il suo pacchetto azionario, per una cifra che notizie ufficiose danno sui quattro milioni di euro, a un gruppo brasiliano, J Winners. Un soggetto “legato al mondo dello sport” di cui si sa poco o nulla. Le sole pagine web rintracciabili sono quelle collegate alla notizia del passaggio di proprietà al Leixoes. E da quelle notizie si ricava soltanto i nomi dei due personaggi che stanno mettendo la faccia sull’operazione. A gestire il progetto è Carlos Eduardo Rodella, esperto di investment management che si muove tra Portogallo e Brasile. E, soprattutto, a fare da front man è Jaime Marcelo Conceiçao, lottatore brasiliano di Mixed Martial Arts (MMA) nonché personaggio pubblico dai tratti forti e controversi.

Jaime Marcelo Conceiçao

Jaime Marcelo Conceiçao

Cosa c’entri uno così con un club di serie B portoghese non è dato sapere. Si sa per sicuro, invece, che dietro J Winners si celi un imprecisato gruppo d’investitori europei ansiosi di mantenere l’anonimato. Magari nei prossimi mesi scopriremo chi siano costoro. Intanto possiamo già registrare la facilità e l’opacità con cui un club calcistico può passare di mano nel mercato globale di oggi. Del resto, guardando a quanto successo a Bari e a Parma non siamo certo noi italiani a poterci formalizzare su questo fronte.

Con l’avvio dell’anno 2015 si stanno verificando altri due casi di shopping calcistico, con investitori extraeuropei pronti a mettere le mani su club del nostro continente costretti a cercare un acquirente purchessia. Dei due casi in questione, uno riguarda una trattativa conclusa mentre l’altro si riferisce a un negoziato in corso. Ma entrambi schiudono l’orizzonte su un sistema calcistico europeo ormai totalmente permeabile alle scorribande di affaristi e finanzieri, interessati a fare denaro attraverso il pallone e sovente già nel business nella gestione di diritti economici di calciatori.

Il primo dei casi in questione riguarda il Freamunde, altro club portoghese di Segunda che sta vivendo una stagione contraddittoria. Sul campo sta conducendo un campionato di vertice: terzo in classifica a un solo punto dalla coppia di vertice formata da Oliveirense e Tondela.

Immagine di una partita fra Benfica e Freamunde

Immagine di una partita fra Benfica e Freamunde

Fuori dal campo, invece, il club vive una pesante crisi finanziaria, coi calciatori che non percepiscono lo stipendio da cinque mesi e i tifosi che si mobilitano per realizzare una colletta. Fra l’altro, il Freamunde è stato protagonista (suo malgrado, va precisato) della stramba vicenda di un’amichevola-fantasma contro gli spagnoli del Ponferradina attorno alla quale si concentrò a agosto del 2014 un flusso anomalo di scommesse. Lo scorso weekend, al termine di un’assemblea iniziata nel pomeriggio di venerdì e andata avanti fino alle prime ore del mattino di sabato, i soci del club si sono dovuti rassegnare a compiere un passo che muta geneticamente il Freamunde. Hanno infatti votato per la costituzione di una SAD, e a seguire hanno dato parere favorevole alla cessione del 70% delle azioni a una compagine di investitori argentini il cui rappresentante portoghese è l’avvocato Miguel José Azevedo Brandao.

Miguel José Azevedo Brandao

Miguel José Azevedo Brandao

Costui è un personaggio molto addentro alle manovre che portano ai cambi di proprietà di club portoghesi, e soprattutto il loro passaggio sotto il controllo d’investitori esteri. Fu lui a favorire il passaggio del Beira-Mar di Aveiro sotto il controllo dell’avventuriero iraniano Majid Pishyar, presidente e CEO di una holding globale con sede a Dubai chiamata 32 Group, di cui è impossibile comprendere qualcosa.

Majid Pishyar

Majid Pishyar

Sul web ho trovato questa storia di una cittadina inglese, reduce da un tumore al seno, che aveva deciso di trasferirsi negli Emirati comprando un appartamento di nuova costruzione edificato da 32Group. A settembre 2012, dopo sette anni, aspettava ancora il rimborso della somma dato che dell’appartamento non si parlava più. Dal sito del 32Group si scopre che prima di arrivare al controllo del Beira-Mar la holding aveva gestito l’austriaco Admira Wacker e lo svizzero Servette Ginevra. Il primo fallito per debiti, il secondo quasi. Fra l’altro, Pishyar si lascia alle spalle in Svizzera anche degli strascichi extracalcistici. È questo il personaggio che Azevedo Brandao porta al Beira-Mar. E l’avvocato, da consigliere d’amministrazione del club aveirense, è in prima fila anche quando il club passa di mano a un altro personaggio tutto da raccontare: l’italiano Omar Scafuro.

Omar Scafuro

Omar Scafuro

Costui è già noto per un paio di vicende italiane. A fine anni Novanta prova a comprare l’Avellino raccontando di avere alle spalle il Milan di Berlusconi o, in alternativa, la Lazio di Cragnotti. Non era vero niente, e è Berlusconi in persona a smentire lasciandosi andare a una frase infelice (“Per me Avellino è come la Patagonia”). Poi nel 2006 Scafuro si ritrova al centro di una polemica sulla maxi-parcella assegnata alla sua società di consulenza Carrington and Cross dalla Regione Campania per stimare il debito della Soresa, la società regionale della sanità. Della vicenda finirà per occuparsi la Corte dei Conti. Nel frattempo Scafuro è in Brasile, dove compra un club delle categorie minori, il Leme. Da lì passa Willyan Barbosa, che per due stagioni transita dalle giovanili del Torino e viene successivamente acquistato dal Beira-Mar dopo che Scafuro acquisisce il controllo del club portoghese.E si tratta di uno degli affari più inspiegabili del club granata.

Willyan Barbosa ai tempi delle giovanili del Torino

Willyan Barbosa ai tempi delle giovanili del Torino

Il passaggio di proprietà del club portoghese avviene nel dicembre 2013, e i giornali portoghesi raccontano di un’acquisizione del club da parte del Gruppo Pieralisi, multinazionale marchigiana delle macchine industriali per lo sfruttamento del ciclo dell’olio di cui Scafuro è rappresentante per Spagna e Portogallo. Su questo passaggio di proprietà scrissi a febbraio dell’anno scorso un articolo per Panorama.it. Le cui conseguenze furono immediate. Sul versante portoghese, l’ambiente aveirense aprì gli occhi sul personaggio che ha preso il controllo del club. Sul versante italiano, il Gruppo Pieralisi prese immediatamente le distanze dall’operazione. E pochi giorni prima che l’articolo (rimasto due settimane in attesa di pubblicazione) venisse caricato sul sito di Panorama, Scafuro era già fuori dal Gruppo Pieralisi. Rimane invece ben in sella al Beira-Mar, e gli tocca difendersi dall’accusa di non aver pagato a Pishyar l’acquisizione del club. Due galantuomini. A novembre scorso un’assemblea generale convocata dal 32 Group decreta la cacciata di Scafuro, che però fa ricorso al Tribunale di Aveiro e si vede dare ragione tornando così al vertice della SAD. Quanto alla situazione finanziaria del club, è un disastro.

Quando si catena il balletto fra Scafuro e Pishyar per il controllo del Beir-Mar, Azevedo Brandao si è già dimesso da consigliere del club e lavora per favorire l’accesso al calcio portoghese da parte di altri gruppo d’investitori. E porta a compimento la missione col Freamunde, il cui 70% viene acquisito dall’argentina Goldplayers. Che è una società di agenti di calciatori retta da Alejandro Bouza e Alberto Lavalle, ai quali per l’acquisizione del Freamunde si è associato il Nicolas Amato. Guardando alla lista dei calciatori assistiti si legge anche i nomi degli italiani Albano Bizzarri (Chievo) e Lucas Biglia (Lazio). Ma si tratta di una lista non aggiornata, dato che nelle schede personali Bizzarri viene dato ancora in forza alla Lazio e Biglia all’Anderlecht.

Albano Bizzarri

Albano Bizzarri

Lucas Biglia

Lucas Biglia

Che interesse può avere Goldplayers nell’acquistare un club della B portoghese? Indovinate un po’ voi. Un ultimo retroscena sulla vicenda: prima di prendere il Freamunde il gruppo argentino aveva provato a prendere l’Espinho. Pareva fatta, ma poi i soci del club preferirono consentire l’ascesa a un personaggio locale, Bernardo Gomes Almeida, leader di una coalizione denominta Movimento Centenario. Dunque per gli investitori argentini il Freamunde è addirittura una soluzione di ripiego.

L’altro caso di cui vi parlo riguarda la trattativa per l’acquisizione del Girona, club catalano che milita nella Segunda spagnola. Sommerso dai debiti, e col un proprietario Josep Delgado che in passato è stato oggetto d’una richiesta d’estradizione avanzata dallo stato polacco per reati fiscali e si rese pure irreperibile per 8 mesi, il club è in vendita. A trattarne l’acquisto è ancora una volta un gruppo argentino, e questo punto verrebbe da chiedersi se il peso non abbia preso quel ruolo di moneta globale del calcio che in altri settori appartiene al dollaro. A guidare il gruppo argentino ci sono due personaggi che per chi ha letto il mio Gol di rapina sono vecchie conoscenze.

10251950_688683877839497_1050097892033296197_n

Uno è l’avvocato Ricardo Pini (affiancato in quest’avventura dal fratello Sebastian), che fino a luglio 2014 era presidente del club cileno Rangers Talca. Si tratta di uno dei club finiti nella lista dell’Afip (Administracion Federal de Ingresos Publicos, l’agenzia delle entrate argentina) perché accusati di effettuare triangolazioni di calciatori a scopo di elusione fiscale. Un caso parecchio sospetto, per esempio, ha riguardato Santiago Garcia, ex del Palermo attualmente al Werder Brema.

Santiago Garcia

Santiago Garcia

Adesso il club è nelle mani di Jorge Yunge, un acquirente scelto dallo stesso Pini. L’altro socio argentino interessato al Girona è Humberto Grondona, figlio dell’ex presidente satrapo della federcalcio argentina, Julio. Grondona senior è morto lo scorso settembre, e questo era davvero l’unico modo per vedergli lasciare la poltrona di presidente federale. Il figliolo Humberto è da anni presidente dell’Arsenal Sarandì, club della serie A argentina che gioca in uno stadio intitolato a Julio Grondona. La famiglia innanzitutto. Pini e Grondona stanno cercando di comprare il Girona, e stando a quanto affermato dal Diari de Girona avrebbero al loro fianco fianco un investitore svizzero che lavora a Malta. Certe intersezioni le ho viste all’opera nel caso di Doyen Sport Investments, ma come al solito sono coincidenze. È invece una certezza che il gruppo argentino sia interessato anche e soprattutto a una speculazione immobiliare. Vorrebbero costruire una cittadella dello sport. Gli affari sono affari. Ma per adesso quello per l’acquisto del club catalano non va in porto, anche perché c’è da trattare con un osso duro come Delgado. Il quale vorrebbe versare i 650 mila euro proposti dagli argentini come anticipo per scalare il debito del club senza decurtarli dai 2,4 milioni da lui pretesi per cederlo. Gli argentini non ci stanno, e almeno su questo punto hanno ragione. Né si lasciano impaurire dal fatto che ci sia un altro gruppo di investitori pronto a prendere il Girona, Viene da Singapore, e è costituito da connazionali del nuovo proprietario del Valencia, Peter LIm, vogliosi di emularlo. E non ci stanno a maggior ragione perché intanto guardano anche altrove per acquistare un club europeo. Hanno messo gli occhi sugli scozzesi del St. Mirren. Perché la logica è sempre quella: un club vale l’altro, e in qualsiasi paese. Ciò che conta sono gli affari. Ma a differenza dei tifosi portoghesi o spagnoli, quelli scozzesi non ci stanno. Si vedrà come andrà a finire.

Schermaglie sono in pieno corso, dunque. Ma non crediate che si stia parlando di vicende distanti dalla realtà italiana. Interrogatevi piuttosto sulla strana situazione di alcuni club nostrani di A e di B. Qualcuno fra questi pure in (apparente) buona salute sia sul piano economico che su quello dei risultati sportivi. Il vero calciomercato si svolge nell’ombra e riguarda la scalata ai club da parte di gruppi d’investitori. E sperate di non accorgervene quando ormai sarà troppo tardi.